Piaggio Sì (1991) [ex]

Un altro motorino storico della mia gioventù, il Sì della Piaggio. 

Un po’ da fighetti, però gli va riconosciuto di essere il primo motorino con delle parvenze di carrozzeria. A quel tempo le scelte non erano poche, ma tutte abbastanza spartane: il classicissimo Ciao (normale o in seguito PX e su cui si montava la sella lunga), lo scheletrico Garelli (Vip 3 o 4 a seconda delle marce) poco aggraziato ma molto robusto, il tubolare base a presa diretta della Rizzato, il Califfone ed i mega sportivi Cobra e Fifty, dall’aspetto molto “race”.

Sul Sì ci stavano bene tutti, coi suoi bei cerchi in lega e tanta carrozzeria. A cavalcioni, in punta di sella o in due. Anche perchè il Sì aveva di serie la sella lunga.

Su questo “cinquantino” ho dovuto fare ben poco. In ottime condizioni di carrozzeria, non voleva però saperne di partire. Smontato il motore che girava una bellezza, smontato e pulito il carburatore, cambiato la candela e ricarburato.

Perfetto. Un po’ di trafila e sopportazione con l’ingegnere della Motorizzazione Civile di Brescia (per chi non lo sapesse un motoveicolo senza più i documenti deve essere risottoposto al collaudo), qualche giorno di attesa per la targa ed eccolo qua: nero lucido e come nuovo.

Questo modello aveva come codice di produzione SRM1T ed aveva la bobina con l’accensione elettronica.

Annunci

10 risposte a “Piaggio Sì (1991) [ex]

  1. il mio “si” …amico di tante scorribande e tante impennate!!i primi viaggetti al lago in totale liberta’…e prime modifiche!!!i primi voli per terra e le sbucciature!!il fatidico primo bacio con una ragazza dato in sella fido destriero della piaggio.
    Aprendo il sottosella mi e’ venuto in mente quando nascondevo il pacchetto da 10 di sigarette che ci stava dentro a pennello e nel ancor piu’ piccolo spazio antistante l’accendino.
    gli adesivi uno po sbiaditi anni ’80…
    Di recente ho avuto l’opportunita’ di portarne a casa uno; grazie ad un amico d’infanzia.
    son riuscito ad accenderlo e farci un giretto… e mi e’ venuta la pelle d’oca…come se fosse la prima accellerata di tanti anni fa..
    ..la sensazione dell’aria sul viso…..
    …e l’inconfondibile sibilo del motore…
    …l odore della miscela…
    il sorriso sulle labbra di un futuro papa’ che per un attimo si e’ sentito ancora ragazzino..
    grazie a chi lo ha inventato

  2. scusami, mi servirebbe una informazione, ho da poco acquistato un si piaggio con codice srm1t, vorrei conferma del fatto che con questa sigla avevano tutti l’accensione elettronica in quanto il mio ha la tradizionale accensione a puntine . Inoltre il mio ha le coperture laterali in tinta con il telaio…giusto per capire se si tratta di un Frankenstain o un modello particolare

  3. il ..Sì.. anch’io ne ho avuto uno acquistato nel 1986 o 1987.. ho sempre fatto i km per accenderlo.. il colore era grigio canna di fucile… acquistato da mio padre perchè considerato più sicuro del Ciao… per via delle sospensioni e cerchi in lega..
    conservo bei ricordi…

  4. Salve
    ma quello in foto con le fiancatine in tinta e portapacchi cromato, è la foto dell’originale dell’epoca vero?

  5. Ma allora le foto di quello con carterini in plastica grigia, di chi sono?
    Mi spiego… avendo anche io un 1991 sto cercando di capire se il portapacchi era cromato o verniciato (come su alcuni altri modelli) … se i carterini erano in tinta con scrtitta anch’essa in tinta e non alluminio…. se il pezzo sotto al serbatoio che ospita il clacson era verniciato o meno… perché vedo in giro finiture diverse per modelli dello stesso anno….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...