Sgualdrina

E poi c’è anche chi è strafelice della Sgualdrina che si scarrozza su e giù per le colline tosco-emiliane.

Maliziosi, cosa avevate capito? Questa Sgualdrina dell’amico Milo ha un poco di ThisIsNotAclub addosso 🙂

Ma ecco pure la sua Storia, raccontata da Milo in persona, in una sorta di intervista “virtuale”…

ThisIsNotAClub: Allora Milo come mai sta Lambretta non è stata restaurata?

Milo: Ora ti racconto la sua storia… Trovata in un pagliaio e presa per due lire perché non la voleva nessuno. Io sapevo che, come tu mi insegni, aveva un anima, ogni mezzo ce l’ha.

Ma questa aveva un’anima che proveniva dalle vallate della mia zona. Era narrata dai vecchi meccanici e nonnini di un tempo che andavano a vedere le gare in salita dell Appennino.

TINAC: Una Lambretta storica “cattiva”, con una fama alle spalle, quindi…

MiloQuindi presa dopo la soffiata del classico barista del bar Mario, che mi diceva : <le quela cla fat con Tito la “Vergato-Cereglio” e la “Porretta-Castelluccio”>… due gare in salita che si facevano dalle mie parti quando le Moto erano di ferro ed erano altri tempi…

TINAC: E come è proseguito l’innamoramento?

Milo: Dopodiché mi son detto, che faccio??? Tutti mi dicevano “sabbiala tanto è una 125 special del 64 cosa te ne frega…”
Ma io che sono un po cinghiale… ho detto… “ca@#o.. me ne frega, questa è un mezzo strong…”
Quindi dopo averla smontata tutta, pulita dal lurido, saldata dove necessitava, ho decisivo di fare un conservato messo molto male che però cercasse di mantenere il più possibile il suo passato Racing…

Ripeto tutti mi dicevano “cazzo fai..?” Ma io sapevo che aveva Anima… ☝🏻
Rimontato il tutto senza fare troppo di fino, togliendo diversa ruggine…. le ho detto “adesso ti animo io…” ed ho pensato: “Ci vuole un motore rock and roll! :-)”
Brutta ma cattiva… quindi ho montato il TS1 225 rivisitato, con Carter allargati e raccordati, testa Racing, carburatore Mikuni TMX35, espansione TS1, cambio 150 Special con pignone del 17, frizione a 5 dischi con molle rinforzate, accensione BGM con volano alleggerito e anticipo variabile MyTtronic. Come albero un prototipo a spalle piene e con biella più lunga…

TINAC: E il suo battesimo?

Milo: Quando è stata portata a fare un giro dalle sue parti (Passo della Futa, Raticosa e Giogo) ci siamo accorti che il cambio “corto” era perfetto ma mancavano i freni…
Dopo aver rischiato più volte di andar per castagni abbiamo montato un Freno a disco esterno Nissin con ammortizzatori sulla forcella.

La Sgualdrina è tornata in vita… a casa sua… con un motore Rock & Roll….
Ecco Marco, ora sai la storia del ferro vecchio con i cerchi da 10″, perché solo i ferri vecchi hanno un’anima…

TINAC: Ho un’ultima domanda per te Milo, ma se vuoi puoi non rispondere:

“Quanto fa con un litro?” – No dai, non piangere… 🙂

Gran bel mezzo, gran bella Storia Milo… spero di sentir presto la Sgualdrina “cantare” dal vivo”

Annunci

6 risposte a “Sgualdrina

  1. Ah ah ah non ero a conoscenza della storia di questa Lambretta.ma di recente sò che ci ha sverniciato una Ducati li sui tornanti di casa e quindi il mezzo è sicuramente tosto.
    Leggendo mi sembra di sentirlo Milo con quel suo accento Tosco emiliano che fa tanto simpatia.io l’ho sentita cantare in un video ma dev’essere un bel divertimento provarla magari in pista…
    A presto Milo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...