Mostra/Scambio Reggio Emilia

“No, scusi lei con la patch della LI dovrebbe fare la coda dietro di me visto che io ho una SX  e quindi dovrei entrare prima…” Queste le parole con cui scherzosamente mi si presenta in coda un signore all’ingresso della Fiera. Lo guardo perplesso e Claudio mi dice: “guarda che questo signore è Tino Sacchi!”

Questo il mio approccio alle 8:10 alla fiera ed al “Signor Bicilindrico Lambretta”!

(11/4/2013 – ndr: inserisco una nota… tutto questo è stato in clima di battuta, di scherzo… non con l’intenzione di prevaricare nessuno all’ingresso… giusto perchè non sembri offensivo della reputazione di Tino Sacchi. Mi sembrava palese, ma su sua richiesta inserisco questa precisazione, poichè temeva di aver fatto una brutta figura che non gli appartiene)

Partiamo la mattina presto in 4: Claudio, Pierre, Paolo ed io ed alle 8:10 siamo in Fiera. Bella, grande e per tutti i gusti. Un immediato sguardo al motore di Tino Sacchi, con alcuni accorgimenti davvero degni di nota e poi via subito allo Stand dell’LCER.

201347231840_Eccoli

Non sono ancora le nove e già stiamo mangiando porchetta, salame, formaggio e vino rosso. Ah… dimenticavo. Anche i “ciccioli”

_07042013095

Nel frattempo ho conosciuto Mauro, Biccari, Matteo, Malicci, Cente e F.Felo. E posso garantire che alle 9 punto zero zero la Fiera già valeva il viaggio e la levataccia 🙂

Si parte a razzo, stare all’LCER equivale e mettere a rischio tutto il proprio sistema metabolico e così via, ci rivedremo dopo.

La Fiera è davvero bella e ordinata. Mille cose, moto, scooter, bici e auto. Ben disposta e chiara.

_07042013103 _07042013100Si passa dal Chiozzi, da un rivenditore di articoli per Trial per dei coprileve Magura, da un rivenditore Alfa Romeo per dei tappetini e via via. Tante cose interessanti, non tutte a buon mercato, ma tante: una penna per fare “striping”, indumenti in kevlar, modellini eccetera eccetera, spesso fermandosi fra mille curiosità.

_07042013101 _07042013097

Molto bello anche il banchetto di un rivenditore romano che riproduce fedelemente molti accessori d’epoca, stile Vigano, Ulma eccetera. Davvero ben fatti.

_07042013096

Sono davvero tanti anche i banchetti “monomarca” sparsi nei 4 padiglioni ed anche attorno ai quattro padiglioni stessi.

_07042013099

Una citazione particolare la merita Gori. Questo simpatico toscano se ne sta sotto al porticato, tranquillo e senza tanti fronzoli. Ci accoglie con tanta naturalezza e senza tante menate, manco ci conoscessimo da sempre. Le sue marmitte sono stupende e i suoi kit sono davvero belli,anche a vedersi. Non vedo l’ora un giorno di poterli anche provare.

E la sua sella “racing”… splendida. Dal vivo non c’è paragone a quando l’avevo vista in fotografia. Ed anche qui incontriamo Luud, un altro ragazzo del Forum, di Pordenone.

Gli scrocchiamo qualche adesivo e via ripartiamo, io alla ricerca di un ammortizzatore R1 e di un contachilometri 2a Serie, Claudio di un coperchio manubrio 1a Serie.

Su e giù per la fiera, passando di nuovo davanti ai ciccioli e alla porchetta dell’LCER._07042013102

La mattina scivola via in un attimo, fra incontri, curiosità e cose interessanti, quelle che non ti servono oggi “… ma non si sa mai!”

Alla fine:

  • io cercavo un contakm e un ammortizzatore ed ho comprato un set di chiavi dal solito banchetto polacco
  • Claudio voleva un coperchio ed ha comprato un compressore d’ammortizzatore per sostituire le molle
  • Pierre un modello di motocicletta per suo figlio
  • Paolo un po’ di sellame e varie per Vespa dal Parola

Giornata produttiva. Ho conosciuto tanta bella gente, ho visto una Fiera in cui certamente tornerò ed il tempo passato coi miei compagni di viaggio è stato molto piacevole. Mi spiace solo non aver incrociato un paio di amici che non hanno potuto esserci mentre c’eravamo noi, ma non fa nulla. E’ un motivo in più per puntare al prossimo appuntamento in cui incrociarci, vero Maurizio e Stefano?

PS: Poteva mancare l’impareggiabile attrezzo per la rimozione delle Vespe dalla strada? 🙂

_07042013098

Annunci

14 risposte a “Mostra/Scambio Reggio Emilia

  1. E bravi, son contento che vi siate divertivi e ……rifocillati.
    Bellissimo ed utilissimo l’ultimo articolo.
    Un salutone a tutti.

  2. No ma,hai fatto mille foto c’è ne fosse una dove ci sono anch’io…
    Scherzi a parte,avevo visitato tante fiere,ma sinceramente questa e’ stata la più bella e la più interessante,anche se non avevo niente da dover comprare,e’ sempre bello curiosare e vedere…
    Un grazie ai compagni di viaggio per la bella giornata,e anche agli amici del lambretta club,e’ proprio vero gli emiliano/romagnoli hanno una marcia in più.

  3. Celo, celo…. manca! O meglio manco a questa bellissima mostrascambio.
    Purtroppo la variabile X ha fatto il suo danno anche stavolta, speriamo la prossima di vederci, anzi ve la butto lì: cosa ne dite di Gambettola?
    Non è puramente per moto, ma c’è tantissimo antiquariato, oltre a noi che ci facciamo un paio di volte il viale dei motori, le donne possono girare e divertirsi veramente.
    Vi tengo informati su come, dove e quando, voi tenetevi pronti!

    • e’ un’idea, se supero alcuni impedimenti… ma quando sarebbe? si puo’ ordinare una giornata di sole? 🙂

  4. mi spiace ma il tuo amico claudio mi ha scambiato per un altro. Essendo espositore non passo dalla biglietteria. Essendo persona educata non mi sarei minimamente sognato una espressione del genere.Avendo anche un senso civico solido non mi sarei mai permesso di sopravanzare alcuno, men che meno vantando il possesso di qualcosa, infatti le persone si giudicano per quello che sanno e per quello che fanno, non per quello che hanno. Spero che l amico claudio si sia reso conto di aver sbagliato persona,non voglio pensare che, di proposito, abbia voluto danneggiare la mia reputazione. Se solo i redattori avessero una minima parte dello stile del sottoscritto non farebbero fatica chiedere anche informalmente scusa, andrebbe a loro vantaggio. tino sacchi.

    • Scusa Tino, ma temo che nello scrivere si sfuggito il tono scherzoso in cui si è svolta tutta la cosa ed e’ stata molto divertente 🙂
      Per la verità non eravamo alla biglietteria ma all’ingresso del cancello a biglietti già acquistati e tu stavi in coda affianco a me e ti sei concesso una battuta scherzosa.vedendo la patch sul mio giubbino.
      Ma tutto in armonia e scherzosità, tant’è che siamo venuti subito al tuo stand ad ammirare il bicilindrico, con il particolare della chiusura del cuscinetto e l’albero con la spalla nuova.
      Mi spiace se nella scrittura si è perso qualcosa, ma mai mi sarei sognato potesse a qualcuno sembrare tu avessi voluto sopravanzare alcuno…
      Anzi penso che Claudio ti ricorderà come me l’episodio visto che vi siete visti e parlati più volte, così come io ti ho parlato sia su ScooterdEpoca che una volta al telefono.
      E io che pensavo di aver raccontato un episodio ridicolo e simpatico…
      Mah!

    • In ogni caso aggiungo una doverosa precisazione nell’articolo, onde smarcare ogni possibile interpretazione negativa della cosa.

  5. non voglio insistere, ma essendo espositore prenotato e pagato da tempo, entrodal cancello espositori mostrando semplicemente il pass.Ripeto questa situazione, incontro, battuta del kaiser,se e avvenuta non e certamente avvenuta con me.Se avete voglia di creare situazioni fantasiose e imbarazzanti, coinvolgete altre persone., io in genere faccio altre battute che possono piacere on no, ma non di questo tipo.Chiarito l argomento, passo e chiudo. tino sacchi.

    • Ok, Prendo nota e rendo atto che io e Claudio abbiamo sbagliato
      Abbiamo creduto che quel signore col giubbino rossiccio, dalla barba bianca e che abbiamo in seguito reincontrato allo stand del signor Sacchi e che ci ha illustrato il bicilindrico esposto fosse il signor Sacchi stesso.
      Ne faccio pubblica ammenda su questo blog e di fronte a tutti i frequentatori ripeto: non era lui.
      Passo e chiudo.

  6. sarebbe piaciuto anche a me partecipare data la grande concentrazione di amici e coleghi del forum. ma ancora non mi sono concessi grossi spostamenti!

    ad ogni modo Claudio, probabilmente ho trovato un coprimanubrio. a breve spero di darti aggiornamenti e grazie!

    spero di conoscervi tutti a brve!

  7. Non per fare polemica,ma ho assistito anch’io al breve colloquio e scambio di battute, e se non mi son sognato mi sembrava proprio il signor Sacchi,comunque può darsi che ci siamo sbagliati,ripeto comunque che il contesto era scherzoso e di armonia tra lambrettisti.
    Per dovere di cronaca e non per fare l’avvocato del diavolo…

  8. Riporto, per correttezza e ad onore di Tino, la sua ultima risposta via mail. che mi ha scritto questo pomeriggio alle ore 17:35:
    *****
    Tranquilli, forse ho interpretato male io, anche perchè non è mia abitudine passare oltre nelle file.
    Pace fatta anche se non c’è mai stata guerra
    Salutoni
    Tino

  9. Faccio quest’ultima considerazione e poi chiudo il post.
    * * *
    Tino, tu NON HAI SALTATO la fila.
    Forse ho mal scritto e ti è sembrato volessi dire questo, ma né l’ho mai scritto né l’ho mai voluto intendere.

    E’ successo che ci siamo ritrovati insieme ad un ingresso ed hai fatto una battuta scherzosa di cui io ho riso io per primo ed ho voluto riportare.
    Tanto scherzosa che sei stato il primo stand che abbiamo visitato nella fiera.
    Mi spiace tutto questo fraintendimento.
    Come dici tu, non c’è bisogno di pace perché non c’è mai stata guerra.
    Alla prossima e spero di rivederti sul blog.
    Marco

I commenti sono chiusi.